Spazio/Luogo


Il nostro progetto ha base nel comune di Cinigiano, Provincia di Grosseto, nel SW della Toscana. Durante le attività di scavo risiediamo nel paese di Cinigiano, che si trova indicativamente al centro dell'area sottoposta ad indagine. Il Sud della Toscana è stato a lungo oggetto di attenzioni archeologiche ed è stato interessato da uno dei più importanti progetti di survey intensivo a larga scala del Mediterraneo Romano. Originariamente stimolato dalle distruzioni di larga scala delle campagne Romane negli anni del dopo guerra, questi surveys si sono gradualmente estesi a N, verso la costa Toscana focalizzandosi sullo sviluppo dell'interland agricolo di Roma e sulla produzione ed esportazione del vino.



Il nostro progetto si sviluppa dal survey condotto da Mariaelena Ghisleni, una dei responsabili, nell'ambito della sua ricerca di Dottorato. Il survey era localizzato a N ed E rispetto ai precedenti, e si proponeva di investigare un'area "marginale", situata nell'interno, lontana dai mercati costieri e dalle due principali vie di comunicazione terrestri, la via Aurelia e la via Cassia. Quello che la ricognizione ha rivelato è un paesaggio antico eccezionalmente ben preservato, che è scampato ai danni apportati dalle arature profonde caratteristiche dell'area costiera ed ha conservato circa 500 siti prima sconosciuti, la maggior parte dei quali di epoca Romana.

Differenziandosi dall'area costiera, che conosce una massiccia crescita demografica nel II secolo a.C. ed un'altrettanto eccezionale crisi demografica nel II e V secolo d.C., l'area occupata dalla moderna Cinigiano, così come gli altri territori chiamati marginali, vede una maggiore stabilità con un più generale e regolare numero di insediamenti dal II secolo a.C. fino al V secolo d.C.. I dati del survey non sembrano supportare l'idea che il terzo secolo fosse un periodo di "crisi economica" in questo territorio. Piuttosto è possibile considerare una serie di cambiamenti che hanno interessato l'organizzazione economica, seguiti da una riaffermazione dei commerci a lunga distanza e da un aumento del numero dei siti nel corso del quarto e quinto secolo. Fondamentale per il nostro progetto, questo territorio è dominato dalla presenza di piccole concentrazioni di materiale laterizio e ceramico (meno di mezzo ettaro). A Cinigiano è presente un solo sito identificabile come villa ed alcune concentrazioni di evidenze archeologiche definibili villaggi. L'opportunità per una sistematica indagine della totalità del sistema degli insediamenti rurali e per la definizione degli intricati e complessi rapporti e interazioni fra i vari siti parte di questo sistema, è immensa.